PER I BAMBINI: LA CAMERETTA MONTESSORI

PER I BAMBINI: LA CAMERETTA MONTESSORI

PER I BAMBINI: LA CAMERETTA MONTESSORI

6 Mar 2019 - interior design &co

Se stai pensando a come realizzare o rinnovare la cameretta di tuo figlio, ma non sai da dove iniziare, sarebbe interessante studiare la filosofia di Montessori e seguirne le linee guida.

Oggi infatti ho deciso di aiutarti a capire come realizzare una camera da letto per bambini, ma soprattutto a loro misura e cura.

 

Maria Montessori è stata una grande luminare che ha dedicato la sua vita all’educazione dei più piccoli. Secondo lei i bambini devono muoversi in libertà in un ambiente a loro misura e funzionale a farli crescere in autonomia.

Sembra pazzesco come il suo metodo, a distanza di più di cento anni, sia oggi attualissimo e interessante.

 

Il metodo Montessori è mirato a incoraggiare l’autonomia del bambino per quanto riguarda l’aspetto emotivo, morale, intellettuale e sociale, oltre a sviluppare la sua autosufficienza e la forza di volontà.

La libertà, il movimento, l’indipendenza, la sicurezza e la crescita personale sono i pilastri di questa filosofia.

 

RATIHOME.COM

 

Per Montessori l’ambiente in cui il bambino vive, ovvero la sua camera da letto, deve essere a sua misura, comoda e accessibile e dove poter vivere e giocare.

 

Il bimbo deve poter utilizzare da solo la sua stanza, deve poter manipolare gli oggetti di uso comune, lavorare tutto il giorno con le sue mani, aspettare impaziente di spogliarsi da solo e sdraiarsi sul suo lettino, sotto una bella coperta che può piegare e stendere senza aiuto.

 

Tutto deve avere la propria collocazione e l’ambiente va pensato per incoraggiare il bambino a mantenerlo in ordine e pulito. Anche se da soli possono creare un po’ di caos, in realtà i bambini necessitano di ordine e amano quindi stare in uno spazio organizzato.

 

MANINE Montessori

 

L’arredamento della cameretta è caratterizzato da linee semplici e da uno stile naturale, quindi massimo uso del legno.

Gli elementi di arredo devono rispettare le proporzioni del bambino per garantirne la sicurezza, ma anche l’indipendenza durante le sue attività.

 

Tieni in conto anche e soprattutto della personalità di tuo figlio, stai attento ai suoi interessi.

Intanto ti fornisco qualche consiglio utile per progettare la sua cameretta seguendo i dettami del metodo Montessori.

 

IL LETTO

 

Dimentica i letti con le sbarre perché costringono il bambino ad essere dipendente da un adulto per muoversi.

 

Il letto deve essere basso, a prova di caduta, in modo da permettere a tuo figlio di salire e scendere in piena autonomia (altezza massima da terra del materasso 15/20 cm).

Puoi metterci a fianco un tappeto soffice o alcuni cuscini per una maggiore sicurezza.

 

Questo tipo di lettino va bene sia subito dopo la nascita, sia successivamente. A partire dai 5 anni puoi sostituire a lenzuola e coperte un bel sacco a pelo, così che il bambino possa facilmente rifarsi il letto la mattina.

Andare a letto diventerà così una cosa naturale.

 

I letti montessoriani hanno linee elementari, a volte possono essere semplici materassi futon poggiati a pavimento su di un tappeto o delle doghe.

 

Futon Justy_Olive

 

Oppure ci sono quelli ‘a casetta’ che oltre a essere un lettino possono diventare uno vero e proprio spazio gioco.

 

Letto a casetta Deavita

 

Puoi pensare anche a una soluzione fai da te sfruttando alcuni arredi Ikea a cui segare o non montare le gambe. Oppure esiste il modello Kura sempre Ikea (prezzo 135 euro).

 

Kura Ikea

 

Esistono anche letti impilabili, se hai più di un bambino, ovvero riponibili finita la nanna, in modo da creare più spazio per giocare.

 

Letti Muller

 

I MOBILI

 

L’idea di base è sempre quella di rendere indipendente e sicuro il bambino durante le attività. Dovrà avere quindi tutti gli oggetti di cui ha bisogno a portata di mano, quindi gli elementi di arredo dovranno essere a misura ed altezza di tuo figlio.

 

L’ideale è che si vesta in autonomia, quindi il suo armadio dovrà essere delle sue proporzioni. Si può pensare a un piccolo mobile aperto o a una rella, da affiancare all’armadio tradizionale, dove inserire di volta in volta una parte dei vestiti tra i quali il bimbo possa scegliere.

 

Un attaccapanni ad altezza bambino per appendere la giacca, le scarpe e gli zainetti va pensato o nell’ingresso di casa o nella cameretta, meglio se a fianco metti una cesta per la biancheria. In questo modo, la sera, tuo figlio si abituerà a svestirsi e suddividere gli abiti sporchi da quelli da tenere e appendere.

 

Appendiabiti Calivintagehome

 

Momiki

 

Puoi pensare anche a sfruttare mobili che hai in casa e riconvertirli a appendiabiti a misura di bambino, magari utilizzando i moduli Ikea (Platsa o Kallax).

 

Ikea Hacks

 

Un altro elemento immancabile in cameretta è la LIBRERIA.

 

In linea con la filosofia di Montessori, il bambino deve avere libero accesso ai libri, deve riconoscerne le copertine anche quando non sa leggere.

Scegli una libreria frontale aperta, ad altezza bambino, in modo possa scegliere da solo quale libro prendere. Puoi posizionare una poltroncina vicino alla libreria in modo che possa sedersi e sfogliare il libricino.

 

In commercio se ne trovano tante come quelle di Tidy Books, oppure le puoi realizzare sfruttando le mensole porta quadri o il porta spezie Ikea.

 

Libreria Tidy Books

 

Ikea Flisat

 

 

Pensa anche a mettere nella cameretta un tavolino dai bordi arrotondati e ad altezza di bambino. E’ importante avere una superficie di gioco confortevole e pratica come quella di un tavolo.

Fai attenzione anche alla scelta delle sedie che devono essere alte il giusto e comode per evitare problemi dovuti a una postura sbagliata.

 

SPAZIO PER IL GIOCO

 

Avrai sicuramente notato che a tuo figlio piace stare per terra, quindi nella zona della camera da letto dedicata ai giochi metti un bel tappeto morbido e lascialo giocare scalzo.

Per i più piccini meglio un tappeto sensoriale, con una giostrina e alcuni giochi di quelli morbidi.

Per quelli più grandi invece il tappeto rappresenta uno spazio di appoggio e lettura, alternativo al letto.

 

Montessori diceva che i bambini preferiscono vivere in un ambiente organizzato, dove tutto quello che desiderano lo possono raggiungere facilmente senza l’aiuto di un adulto. Va da sé che i giochi devono essere sempre a portata di mano ed avere un loro posto specifico all’interno della camera.

 

Sarebbe utile avere dei mobili-contenitore ad altezza bambino e insegnare a tuo figlio a riordinare i giochi utilizzando scatole con coperchio, sacchi apribili e richiudibili o cestini.

 

Consiglio a parte: seguendo la filosofia montessoriana, scegli giochi che stimolino la fantasia del bambino, anche oggetti di uso comune da maneggiare e giochi che simulano le attività quotidiane dei grandi come scope, cucina, attrezzi ecc.

 

The kavanaugh report

 

The autism cafe

 

Ispirazione Ikea

 

ACCESSORI E DETTAGLI

 

Scegli preferibilmente i COLORI chiari per la camera e per gli arredi, meglio il legno e tonalità neutre perché aiutano il bambino ad addormentarsi e infondono tranquillità e armonia. Evita sicuramenti colori che stimolano come il rosso.

 

Si potrebbe realizzare anche una parete con vernice lavagna dove poter scarabocchiare. Oppure molto carina è l’idea di un rullo di carta che scendendo fa da lavagnetta.

 

Mag Dettagli

 

George & Willy

 

Seguendo ancora la filosofia educativa di Montessori è importante inserire nella stanza dei piccoli, fin dai primi mesi, uno SPECCHIO.

Mettilo vicino al letto, sceglilo ovviamente infrangibile, in questo modo tuo figlio può guardarsi ed essere consapevole della sua immagine e del mondo circostante.

 

Sou Mae

 

Pinterest

 

Sono utili anche le DECORAZIONI perché stimolano lo spirito di osservazione e la creatività dei bambini. Quindi ben vengano decori a parete, quadri, fotografie, lavagne e stickers. Vanno collocati ad altezza bimbo, mi raccomando, in modo che possa osservarli in piena autonomia.

 

E’ utile avere una bacheca dove tuo figlio possa appendere da solo i suoi disegni e lavoretti.

 

Per le pareti scegli stampe e fotografie  raffiguranti persone e animali e posizionali sempre ad altezza occhi di tuo figlio.

Monta un orologio da parete, a livello del bambino, che sia facilmente leggibile.

 

 

Coziem

 

In una camera da letto per bambini un elemento imprescindibile è la LUCE.

Una lampadina accesa è indispensabile per far sentire tuo figlio sicuro anche quando è solo. Meglio ancora se la lampada è a forma di animale, nuvola, aeroplano ecc. oppure se ci sono ghirlande luminose.

 

Cobo shop

 

Ikea

 

Se possibile, sarebbe utile predisporre gli interruttori della luce ad un’altezza raggiungibile dal bambino, in modo che sia autonomo anche nella scelta di accendere e spegnere la luce nella sua cameretta.

 

Sarebbe meglio evitare la televisione in camera e i giochi troppo rumorosi.

 

Ovviamente questi sono dei semplici consigli pratici per realizzare un ambiente che sia a misura di tuo figlio e che lo stimoli nella crescita e nell’autonomia.

Il metodo Montessori non è l’unico esistente, ma al momento sembra essere quello che riscontra maggior consensi.

 

Puoi utilizzare questo post come una mini guida di carattere generale e scegliere le soluzioni che meglio ti interessano.

La cosa più importante è sempre quella di creare uno spazio che rispecchia la personalità di tuo figlio.

 


hello!

sono Francesca,
‘Ingegnera’ alternativa e Interior Designer per scelta e per passione.
Un amore innato per le case, per quello che ospitano e per le persone che ci vivono.
Un’incontenibile necessità di condividere tutto ciò che so e conosco, di parlare e di progettare per le persone e con le persone.
Una designer della porta accanto, per tutti e non per pochi.

ABOUT ME >

Privacy policy - Cookie policy