SE SOGNI UNA CASA CON LAVANDERIA

SE SOGNI UNA CASA CON LAVANDERIA

SE SOGNI UNA CASA CON LAVANDERIA

30 Ott 2019 - interior design &co

Se ci pensi, nelle vecchie case non mancava mai una stanza interamente dedicata a lavanderia.

Oggi l’inversione di tendenza, da abitazioni molto grandi a bilocali o trilocali dalle dimensioni contenute, ha portato a dover rinunciare a qualche spazio, uno tra tutti la lavanderia.

 

Negli ultimi anni però, è ritornata la necessità di avere un ambiente dove poter lavare i panni, stendere, stirare e riporre i prodotti della pulizia. Ad oggi, nei nuovi progetti d’interni, si cerca quindi di trovare come e comunque uno spazio in casa da adibire a queste funzioni.

 

progettare una lavanderia in casa

Ideagroup

 

A tutti piacerebbe avere una grande casa con una stanza-lavanderia, ma in quanti possono dire di avere questa fortuna?

Come sempre preferisco pensare alle esigenze legate alle piccole abitazioni e cercare soluzioni possibili a problemi comuni.

 

Ecco perché oggi ti parlo di come poter ricavare una zona lavanderia in casa. Non voglio darti false speranze, non sempre è possibile, ma vediamo insieme se, con qualche escamotage, si riesce a ricavare uno spazio per le attività domestiche.

 

progettare una lavanderia in casa

Ideagroup

 

Indispensabile in una lavanderia di casa sono:

  • lavatrice
  •  asciugatrice o zona per stendere e riporre lo stendino
  •  asse da stiro e zona dove stirare
  •  armadio dove riporre oggetti e prodotti per la pulizia

 

La tendenza è quella di celare tutto alla vista, quindi molte aziende d’arredamento propongono soluzioni componibili dove anche lavatrice e asciugatrice vengono riposte all’interno di una struttura con ante.

All’apparenza potrebbe sembrare un semplice armadio da camera, dove riporre i vestiti, in realtà è un mobile lavanderia.

 

progettare una lavanderia in casa

Ikea

 

Altro aspetto da non sottovalutare: molto spesso, la lavatrice trova collocazione in bagno, a volte anche in cucina. La sua ubicazione è quindi vincolata alla posizione degli scarichi e carichi dell’acqua; in questo caso risulta difficile prevedere uno suo spostamento, a meno che tu non sia in procinto di ristrutturare casa.

 

Le opzioni che voglio vedere insieme a te oggi sono due:

  • cercare di ricavare la zona lavanderia nella casa in cui vivi
  • progettare la lavanderia in una abitazione nuova o in fase di ristrutturazione.

 

RICAVARE UNA ZONA LAVANDERIA

 

progettare una lavanderia in casa

Bigodino.it

 

In questo caso è molto probabile tu abbia la lavatrice in bagno, quindi le opzioni possono essere:

  • se hai un bagno abbastanza spazioso, realizzare un piccolo mobile-lavanderia proprio dove hai la lavatrice
  • se non hai spazio, lasciarla in bagno e adibire un’altra zona della casa a lavanderia.

 

progettare una lavanderia in casa

 

L’asciugatrice tanto necessita solo di una presa elettrica e non di scarichi, quindi può essere posta in qualsiasi punto della casa. Si ma quale? Potrebbe andare bene, se c’è spazio, l’ingresso, uno sgabuzzino, una seconda camera, il salotto, o un sottoscala.

Da evitare camera da letto e cucina. In camera da letto avresti il problema legato al rumore dell’asciugatrice ( a meno che tu abbia una cabina armadio chiusa da una porta) e il pericolo di tossicità dei prodotti di pulizia. Stesso problema di nocività vale anche per la cucina, per non parlare poi degli odori che possono impregnare i vestiti appena lavati.

 

Ti suggerisco le soluzioni componibili con asse da stiro incorporato, da estrarre solo all’occorrenza.

 

progettare una lavanderia in casa

Cinquanta3

 

progettare una lavanderia in casa

Cinquanta3

 

PROGETTARE UNA CASA CON LA LAVANDERIA

 

progettare una lavanderia in casa

SCAVOLINI

 

In questo caso abbiamo maggiore scelta e libertà d’azione. Essenzialmente si può progettare una stanza da dedicare a lavanderia e sgabuzzino oppure realizzare un secondo bagno che sia ampio abbastanza da avere una parete attrezzata a tale scopo.

 

Nel primo caso si deve realizzare una parete per una armadiatura attrezzata e, difronte ad essa, uno spazio libero di manovra per le attività, quali stirare o stendere. E’ necessario prevedere gli attacchi della lavatrice e quelli elettrici, anche per asciugatrice ed elettrodomestici come ferro da stiro.

Puoi considerare anche la possibilità di inserire un lavandino tipo lavatoio e stendini a muro richiudibili.

Per l’armadiatura ti consiglio di prevedere mensole per i prodotti di pulizia, colonna per riporre scope, aspirapolvere e asse da stiro e un’altra dove appendere le cose appena stirate, solo se hai abbastanza spazio.

 

progettare una lavanderia in casa

BIREX

 

Per ricavare invece una lavanderia nel secondo bagno necessiti di spazio, tieni conto che oltre a sanitari, doccia e lavello devi avere anche una zona per il mobile con lavatrice, asciugatrice e tutto quello che ti ho elencato qui sopra.

Ovviamente le necessità si devono adattare agli spazi disponibili, quindi se hai un bagno grande, ma non gigantesco, lì potrai prevedere tutto ciò che è inerente al trattamento degli indumenti, spostando invece tutto ciò che concerne pulizia e stireria in un’alta zona, magari creando uno sgabuzzino da qualche parte.

 

Tieni conto che lo sgabuzzino può essere realizzato come un vero e proprio stanzino oppure inserito in una nicchia nell’ingresso o nel corridoio e poi chiuso con ante in legno, come se fosse un mobile.

 

progettare una lavanderia in casa

Arblu

 

Sempre più spesso, nei moderni progetti di ristrutturazione, non vengono previste aree adibite a sgabuzzino e lavanderia. Secondo me invece sono una di quelle cose che proprio mancano nelle nuove case, una vecchia abitudine progettuale persa negli anni, ma che avrebbe necessità di essere recuperata.

Una casa deve essere bella è vero, ma deve essere soprattutto funzionale, per prima cosa va progettata sulla quotidianità, sulle abitudini di chi ci andrà a vivere.

Quindi se stai pensando a ristrutturare casa, non dimenticarti di uno sgabuzzino e di uno spazio lavanderia.

 

 

 

Tag:, , ,

hello!

sono Francesca,
‘Ingegnera’ alternativa e Interior Designer per scelta e per passione.
Un amore innato per le case, per quello che ospitano e per le persone che ci vivono.
Un’incontenibile necessità di condividere tutto ciò che so e conosco, di parlare e di progettare per le persone e con le persone.
Una designer della porta accanto, per tutti e non per pochi.

ABOUT ME >

Privacy policy - Cookie policy